venerdì 4 maggio alle ore 18,15

alla libreria Pangea
Leonardo Baratin presenta

"Albania-Italia, quando l'Adriatico unisce"  

Viaggiare i Balcani
progetto "Varcare la Frontiera 5-Atlantidi"
programma


La Storia della terra e delle genti albanesi oscilla da sempre tra attenzione e dimenticanza, esattamente come un'onda di marea avanza e si ritira. Una prima onda ed ecco il grande clamore suscitato dalla lotta del nobile Scanderbeg contro la spinta turco-ottomana nel XV secolo. Un'altra onda, ed ecco l'Albania oggetto dei desideri dell'Italia fascista e annessa al Regno di Vittorio Emanuele III. Un'altra onda ancora ed ecco le decine di migliaia di Albanesi che compaiono sugli schermi televisivi delle case degli Italiani: ammassati su barche di ogni tipo e dimensione, lasciano le coste del loro Paese per mettersi alle spalle il passato di Enver Hoxha e abbracciare il sogno italiano. E' il 7 marzo 1991 quando giungono nei porti di Bari, Brindisi ed Otranto pi¨ di 25.000 uomini, donne e bambini. Una scena che si ripete l'8 agosto, quando la nave Vlora straripa di 20.000 persone che vedono scomparire all'orizzonte il porto di Durazzo e materializzarsi l'approdo di Bari. E poi, a seguire, ancora centinaia e centinaia di altre imbarcazioni, con l'Adriatico di fronte a promettere una nuova vita. Ma poi c'Ŕ anche il riflusso, la noncuranza e l'oblio nei confronti di un vicino sconosciuto, di cui si parla spesso per stereotipi e pregiudizi, magari prendendo a riferimento le pagine di cronaca dei quotidiani. Periodi in cui l'Albania Ŕ solo un'espressione geografica o addirittura un buco: nella memoria, nell'attenzione, nell'interesse.





Grazie al progetto "Varcare la Frontiera 5-Atlantidi" si cerca di guardare con nuovi occhi a questo Paese e a questo popolo, fermando lo sguardo sulle bellezze naturali e sul patrimonio storico-culturale, ma anche su culture e stili di vita dell'Albania di un tempo e di oggi. Ecco allora prendere forma l'idea di un itinerario di viaggio che permetta un primo contatto con le Albanie. Un percorso che nasce dalla collaborazione tra le associazioni partner C01, Mozaik e Viaggiare i Balcani, ma che si realizza grazie anche alla curiositÓ e alla sensibilitÓ di viaggiatori attenti. E' una nuova onda di marea che si espande, conquista terreno e crea nuova consapevolezza verso l'Albania e gli Albanesi.