venerdì 29 novembre alle ore 18,30

alla libreria Pangea
Mauro Daltin presenta

"La teoria dei paesi vuoti - viaggio tra i borghi abbandonati"  

ediciclo
locandina
sito

Un’indagine narrativa sulla geografia dell’abbandono, sul paesaggio vuoto e sulla natura che si riappropria degli spazi sottratti dall’uomo.

• Un viaggio tra i paesi vuoti, tra dimenticanza e resilienza.
• Le storie di questi paesi cominciano dalle cause di abbandono per poi spostarsi sulle vicende degli ultimi abitanti o di ciò che sopravvive, nonostante tutto. Il racconto di un’Italia diversa, che riflette quello che siamo stati e quello che saremo.

Un borgo privo di essere umani si sposta, spinge, si altera, non è fermo e immutabile come ci si immagina. Soffre, piange, spera. I paesi abbandonati narrati da Mauro Daltin nascondono storie commoventi e tragiche, a volte grottesche, e diventano i testimoni di un paese scomparso, che non c’è più. L’autore accompagna il lettore alla scoperta di quelli più suggestivi e dai racconti più affascinanti. Le sue sono istantanee emozionali: fotografie di paesi dimenticati, sospesi in un altro tempo, buchi neri sulle mappe dove a volte è la natura, o le creature resistenti, a custodire il ricordo della vita. Si passa dalla famosissima Craco in Basilicata alle innumerevoli Atlantidi del Nordest, le città sommerse dall’acqua; dalla surreale Consonno in Lombardia alla California in provincia di Belluno; fino a sconfinare a Cipro, Stati Uniti, Spagna, Giappone.

Mauro Daltin, nasce a nel 1976, vive in provincia di Udine e lavora nel mondo dell’editoria da molti anni come editor. È il direttore della casa editrice Bottega Errante Edizioni e il direttore artistico del Festival “La Notte dei Lettori” e del “Festival del Coraggio”. Per Ediciclo ha pubblicato Officina Bolivar (finalista al Premio Albatros); Isonzo in bicicletta; Il punto alto della felicità (finalista premio Latisana per il Nordest). Con Biblioteca dell’Immagine sono usciti I piedi sul Friuli e L’ultimo avamposto del mondo. È docente di scritture di viaggio al Master in Editoria dell’Università Cattolica di Milano.