venerdì 20 settembre alle ore 18,15

alla libreria Pangea
Lorenzo Gambetta presenta

"JUGO-BIKE In bicicletta in Bosnia, Croazia e Serbia"  

Infinito edizioni
recensione

Un viaggio lento, polako polako, a scartamento ridotto. Una bicicletta e una sacca, la cui pesantezza non è un fardello ma l'occasione di essere agganciati alla terra attraversata per viverla, scoprirla.
Da Zagabria a Sarajevo, a Belgrado, dalla Mitteleuropa verso Oriente tra vallate, cascate, pianure sconfinate, campi di grano, locande antiche, case rurali, ponti in pietra, vecchie in nero, chioschi di fragole e angurie, birra fresca, moschee, chiese, cimiteri turchi, campanili di ogni foggia. Le ruote della bicicletta scorrono lente sulla strada e tracciano una riga immaginaria e clandestina sull'asfalto, un tratto di penna fatto per unire, non per dividere. Popoli, religioni, lingue, alfabeti. Questo viaggio permette di conoscere il volto reale di quei territori e delle persone che li popolano, ascoltare voci, suoni, confessioni e ricordi, magari davanti a una bella rakija a fine giornata.
"Lorenzo Gambetta è un pronipote di Bertarelli, Toti e Guareschi, ha viaggiato in bicicletta da Zagabria a Sarajevo e da Zagabria a Belgrado, poi ha trasformato le pedivelle in tasti, le pedalate in parole, i chilometri in pagine. Jugo-bike. Grazie". (Dalla prefazione di Marco Pastonesi).
"Il libro di Lorenzo ha il merito di contribuire a farci sentire i Balcani ancora un po' più vicini". (Dall'introduzione di Simone Benazzo)

Lorenzo Gambetta (Morbegno, Valtellina, 1981), laureato in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Milano, dopo aver svolto per tre anni la professione di praticante avvocato è entrato nel mondo del lavoro. Ha sempre avuto due grandi passioni: la bicicletta e i viaggi, connubio che ha trovato sbocco nel viaggio narrato in questo libro e in altri ancora, in giro per l’Europa. Da sempre appassionato del mondo balcanico, ha iniziato a viaggiare in quei luoghi in lungo e in largo in bicicletta, compagna ideale per quella dimensione del viaggio che ha sempre cercato. E ha trovato.